Per inserire le ragazze ospiti del convitto Sperti e sensibilizzarle al cammino che i giovani di tutto il mondo hanno intrapreso verso il sinodo dei vescovi che li riguarda, e che si celebrerà nell’ottobre 2018, abbiamo ritenuto opportuno..

Per inserire le ragazze ospiti del convitto Sperti e sensibilizzarle al cammino che i giovani di tutto il mondo hanno intrapreso verso il sinodo dei vescovi che li riguarda, e che si celebrerà nell’ottobre 2018, abbiamo ritenuto opportuno organizzare un breve incontro a tale scopo. Animatore e moderatore è stato don Roberto De Nardin, responsabile della Pastorale giovanile per la diocesi Belluno-Feltre.

L’incontro è stato introdotto da un video: i giovani interrogati su cosa vogliono dalla e per la Chiesa; proprio questo è quello che chiede papa Francesco, vuole che siano i giovani a parlare e che siano ascoltati. La Chiesa deve accompagnare i giovani nell’essere protagonisti e responsabili della loro crescita: tutti i giovani, anche quelli che dicono di non credere. Poi don Roberto ha consegnato a ciascuna ragazza due mattoni di carta sui cui scrivere: Quale è la cosa più importante su cui costruisco la mia vita e Il mondo, la Chiesa, la mia vita di che cosa ha bisogno per costruire un futuro migliore. I mattoni, poi, sono stati incollati dalle ragazze stesse su due cartelloni per costruire idealmente dei muri fatti non di calce e cemento, ma di valori e di aspirazioni.

Le ragazze si sono lasciate coinvolgere serenamente e i visi riflettevano la soddisfazione di chi si è sentito coinvolto in un cammino e non semplice e passivo ascoltatore di un’ennesima conferenza. Grazie a don Roberto e a Silvia, giovane del comitato organizzativo della pastorale giovanile e a tutte le ragazze… possiate crescere nei valori che avete elencato e esserne testimoni credibili. Buon cammino

Pin It
Iscrizione
Per procedere con l’iscrizione compilare i seguenti moduli.
Continua >
Progetto formativo
La comunità dell’Istituto “Sperti” nel servizio educativo si propone la crescita umana, cristiana e culturale delle giovani convittrici, in collaborazione e in accordo con la famiglia.
Continua >